Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Cronaca e Giudiziaria

Antenna Vodafone, Di Bastiano: “Il campo dei ferrovieri deve restare uno spazio sociale”


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Augusto Di Bastiano, presidente dell’associazione “Centro Giuridico del Cittadino”, torna alla ribalta sulla questione dell’installazione dell’antenna Vodafone nel campo dei ferrovieri di Avezzano, ripercorrendo la sua storia dal 1915. “A mio modesto avviso, – ha dichiarato Di Bastiano – l’attuale campo dei ferrovieri, ha tutte le caratteristiche per essere classificato area demaniale a uso civico sociale. Infatti, fin dal terremoto del 1915 il campo fu individuato come area dove impiantare le baracche provvisorie (una è ancora presente in via Gioia) destinate ad accogliere i sopravvissuti alla tremenda tragedia”.

“Un mio amico – prosegue – mi ha raccontato che nelle vicinanze, un tale di nome Giovanni, appartenente alla famiglia De Bernardinis, nota con il nomignolo “Coccióne”, vi costruì una baracca di fortuna fatta di lamiere ed altri materiali “poveri”. Giovanni aveva fin dalla nascita un notevole difetto nella pronunzia delle parole che lo faceva assomigliare a un muto e per questo, dunque, ben presto fu soprannominato “Je Mùte Coccióne”, e molti avezzanesi attribuiscono ancora alla zona tale toponimo. Nel 1948 le baracche erano da qualche tempo scomparse e il sito fu adibito, da Dopolavoro Ferroviario, a campo di calcio, dove almeno tre generazioni di giovani hanno fruito di questo spazio. In esso sono nati e “cresciuti” tanti calciatori tra i quali, giova ricordare, Bruno Iacoboni che, per moltissimo tempo salì agli onori della cronaca sportiva nazionale per essere il portiere imbattibile della Regina, squadra calabrese militante nella serie B”.

“Signor sindaco già la storia ci impone di mantenere quell’area cosi com’è stata usata per più di un secolo, come spazio con funzione civica sociale, – conclude Di Bastiano – la invito a nome di tanti avezzanesi di vedere in prima persona la pratica legata all’antenna e trovare una giusta soluzione. L’area in questione dovrebbe essere un seminativo demaniale in uso, cosi come tutte le aree ferroviarie italiane alla S.P.A. Rete Ferroviaria Italiana”.

ARTICOLO PRECEDENTE: http://marsicanews.com/antenna-vodafone-di-bastiano-le-ferrovie-cedano-il-campo-alla-collettivita/

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top