Altri articoli

Ancora una buona prestazione della Juniores Biancoverde ma…i tre punti vanno al S.Nicolò

Dovrebbe essere difficile, anche per il cronista più attento, trovare spunti positivi per la giovane formazione Biancoverde in un’altra gara persa ed invece se si considera che due grosse ingenuità difensive prima, come accaduto lunedì scorso, ed un eurogoal in chiusura di tempo, che avevano portato il San Nicolò sullo 0 a 3, avrebbero tagliato le gambe anche alla formazione più blasonata e che invece nel secondo tempo si è vista in campo una sola squadra, rivitalizzata dalla scossa di Mister Di Genova nell’intervallo, che ha incominciato a macinare azioni su azioni, a tratti sciorinando anche bel gioco, trascinata dai vari Felli, Albertazzi, Morelli e Del Pizzo che insieme ai compagni più giovani non ne volevano proprio sapere di alzare bandiera bianca contro la pur forte formazione del S. Nicolò.

E così era prima Felli con un preciso stacco di testa e poi Morelli che trasformava un rigore procuratosi con una travolgente azione personale da Stefano Del Pizzo che accorciavano in 20 minuti le distanze con gli avversari. Poi un fallo di Felli su un avversario gli procurava un rosso diretto che lasciava i biancoverdi in 10. A questo punto chiunque si sarebbe arreso non i biancoverdi che continuavano a macinare azioni su azioni, Alessandro Albertazzi era un folletto imprendibile sulla fascia, il neo entrato Incerto dimostrava buona personalità però tutto questo non era sufficiente a pareggiare quanto meno i conti anche perché Stefano Del Pizzo veniva fermato due volte dal Direttore di gara a tu per tu con il portiere ospite una volta per fuorigioco???

Ed una volta per un presunto fallo di mano nello stoppare di petto la palla a nostro avviso sicuramente inesistente il primo e quantomeno dubbio il secondo. E così si arriva alla fine con l’Avezzano votato ripetutamente alla ricerca del pareggio e il S.Nicolò ala strenua difesa del risultato.

Un bravo quindi ai giovani Biancoverdi per quanto fatto vedere in campo ma anche un invito alla prudenza difensiva soprattutto considerando alcune lacune che ormai si ripetono con troppa frequenza e sulle quali si dovrà lavorare per migliorare.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top