Attualità

Alzheimer, 800 casi in Marsica: spesso sottovalutati i primi sintomi

Ritrovare un congiunto anziano, affetto da alzheimer, a vagabondare senza orientamento né meta oppure non riuscire a capire i suoi primi comportamenti ‘strani’ per mancanza di una diagnosi rappresentano snodi cruciali e dolorosi che la famiglia, spesso da sola, si ritrova a gestire a causa  di una patologia che getta il buio nella mente del malato. Situazioni molti difficili per le quali il Centro di valutazione dell’alzheimer della Asl, istituito nel 2000, resta un ‘faro’ nella notte della demenza, tipica dell’età senile ma purtroppo in alcuni casi già silente in età meno avanzata. Si tratta di un servizio, diretto da Maria Carmela Lechiara e che fa capo al direttore del reparto geriatria dell’ospedale di Avezzano, prof. Giovambattista Desideri, che effettua una prima diagnosi della patologia, attiva una rete di controlli clinici sul malato, pianifica visite periodiche e sostiene le famiglie.

Il centro Asl, che si avvale di più ambulatori, dislocati in aree anche periferiche della Marsica, oltre alla funzione strettamente sanitaria, svolge un ruolo fondamentale nell’informare nel dettaglio la famiglia sulle complicanze e sulla progressione della malattia e, soprattutto, sulle regole da seguire per prevenire pericolose conseguenze legate ad alcuni comportamenti del paziente. Le statistiche della Asl parlano di oltre 600 casi accertati di alzheimer in Marsica ma le dimensioni sono molto più ampie perché si stima che vi siano almeno altri 200 malati che restano fuori dai registri ufficiali degli ambulatori.

“I sintomi iniziali della malattia – spiega il prof. Desideri – vengono scambiati come normale aspetto legato all’avanzare dell’età, esempio tipico la perdita di memoria, e per tale ragione l’anziano non viene portato all’attenzione dello specialista e sottoposto  a visita di accertamento. La malattia si manifesta in genere dai 65 anni in su ed è legata ovviamente al progressivo invecchiamento della popolazione – prosegue Desideri – quando la memoria, il pensiero e la capacità di giudizio calano e si deteriorano, il malato ha bisogno di qualcuno che si occupi di tutti gli aspetti più elementari della vita quotidiana. Sono le famiglie ad assumersi la responsabilità e la cura dei loro cari ma anche le famiglie hanno bisogno di aiuto”.

Il servizio dispone di due ambulatori: ad Avezzano, al distretto sanitario di via Monte Velino, e al Pta (presidio territoriale di assistenza) di Pescina, dove il centro alzheimer nacque 16 anni fa. La presenza del servizio nella Valle del Giovenco è fondamentale perché portare a visita periodica il malato con questa demenza senile comporta la mobilitazione di più familiari e forti disagi. I pazienti che risiedono nei numerosi comuni della Valle del Giovenco, grazie alla presenza di ambulatori a Pescina, non sono quindi costretti a spostarsi ad Avezzano. Le visite sui malati, a seconda del grado di progressione dell’alzheimer, vengono seguiti, dopo la diagnosi iniziale, a intervalli di 3 e 6 mesi oppure con cadenze più lunghe.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top