Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Italia

Allevatore ucciso: delitto dopo lite per sms a moglie vittima


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Doveva essere solo un momento di chiarimento invece si è trasformato nell’omicidio di Andrea Germini, 32 anni. Le indagini dei carabinieri del reparto operativo di Reggio Emilia e Castelnovo Monti hanno portato al fermo del ventottenne marocchino Fattah Abdelkebir, che lavorava insieme alla vittima in un’azienda agricola. Secondo quanto ricostruito dai militari, in base al racconto dello straniero, ieri mattina la vittima lo avrebbe portato sul greto del fiume Secchia a Castelnovo Monti (Reggio Emilia) per avere un chiarimento relativo soprattutto ad alcuni messaggi che lo straniero avrebbe mandato alla moglie del 32enne. Qui sarebbe nata una discussione che ha portato all’omicidio. Un delitto d’impeto, sembrerebbe. Ma le indagini sono ancora in corso perchè lo straniero avrebbe avuto altri motivi di rancore legati a una probabile rivalità sul posto di lavoro. Il corpo verrà sottoposto ad autopsia. «Lo straniero potrebbe aver mal interpretato l’affetto con cui la famiglia per la quale lavorava lo aveva accolto» ha spiegato il tenente colonnello Alessandro Dimichino.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top