Cronaca e Giudiziaria

Adunata Nazionale Alpini: parola al comandante del 9 Reggimento

Il colonnello Massimo Iacobucci, abruzzese doc proveniente da Avezzano, e’ un uomo concreto e di poche parole. Da due anni al comando del 9 Reggimento Alpini dell’Aquila, subentrato al colonnello Riccardo Cristoni, si prepara a vivere con le sue penne nere il momento della grande Adunata Nazionale Alpini che dal 15 al 17 Maggio animera’ il capoluogo di regione. Un evento di assoluto prestigio per la citta’ e per tutto il suo comprensorio che portera’ decine di migliaia di persone tra membri dell’Ana, familiari, giornalisti e operatori tv dando anche respiro ad una economia falcidiata ultimamente dalla crisi e dalle conseguenze del terremoto di sei anni fa. Per un abruzzese che comanda un reggimento di tale importanza l’Adunata e’ vista come un momento di grande impatto emotivo per tutti i significati che raccoglie. Un momento di solidarieta’ che ricordera’ al mondo intero anche quanto l’Associazione Nazionale Alpini ha fatto per gli aquilani durante e dopo il terremoto, un momento di sinergia con gli alpini “operativi” ma anche un momento di festa che sara’ scandito dall’allegria e dalla spensieratezza tipica degli alpini dell’Associazione.

Il 9 Reggimento, che ha sede dal momento della soppressione del 33esimo Reggimento di Artiglieria, nella caserma Pasquali partecipera’ alla sfilata con due compagnie operative e realizzera’, nel Parco del Castello, una vera e propria cittadella militare nella quale si mostrera’ al visitatore cosa significa essere un alpino oggi.

Vale la pena ricordare la massiccia presenza di soldati provenienti dall’area marsicana nel Reggimento Alpino. Di circa 900 militari che sono in caserma, un 25% vale a dire circa 250 persone, arrivano dalla Marsica. Una presenza forte e generosa quella dei soldati di casa nostra che, soprattutto nel periodo dell’emergenza, ha dato un contributo notevole per il sostegno alla popolazione locale. Un impegno valido e costante ancora oggi, tempi lontani ma indimenticabili quelli in cui il Battaglione L’Aquila, militando nella Brigata Julia, si distinse negli eventi bellici della Seconda Guerra Mondiale. Ieri, come oggi, moltissimi soldati aquilani e marsicani protagonisti della storia.

Daniela Rosone

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top