Altri articoli

Adotta un cane randagio e paghi meno tasse

Il cittadino adotta un cane randagio e il Comune gli abbassa le tasse.

Questa la proposta avanzata dal consigliere comunale Mario D’Agostino, 30 anni, per contrastare il fenomeno dell’abbandono degli amici a quattro zampe. L’iniziativa, già approvata in molti Comuni italiani, è stata presentata dal consigliere D’Agostino al primo cittadino di Ortucchio, Federico D’Aulerio, con l’auspicio che venga approvata quanto prima.

«La mia proposta mira a migliorare notevolmente la qualità di vita dei cani randagi condannati a passare la vita all’interno di canili o comunque abbandonati a loro stessi per le vie del paese», ha spiegato, «e l’iniziativa consentirebbe un risparmio economico per le casse comunali visto che un cane ospitato in un canile costa mediamente dai 2,50 euro ai 5 euro al giorno.

Ridurrebbe, inoltre, il rischio di incidenti stradali e tutelerebbe i cittadini da possibili aggressioni, oltre a migliorare il decoro cittadino e a far conoscere alle famiglie ospitanti quanto sia grande e fedele l’amore di un cane. L’idea consiste nel sensibilizzare la comunità all’adozione di cani randagi anche con incentivi economici con sgravi fiscali sulle tasse comunali».

4 Comments

4 Comments

  1. Elisabetta Elly Cesarini

    Elisabetta Elly Cesarini

    7 marzo 2014 at 13:14

    spero nella proposta di delibera si parli anche di come effettuare i controlli dopo l’adozione..va bene adottare un cane per pagare meno tasse, ma il cane va AMATO e ACCUDITO con CRITERIO…

  2. Mario D

    Mario D'Agostino

    7 marzo 2014 at 16:06

    Nelle mie intenzioni ci sarebbe quella di metter su un comitato VOLONTARIO che controllerebbe periodicamente il benessere dei cani…..

    • Canile Marsicano

      Canile Marsicano

      7 marzo 2014 at 17:15

      Signor D’Agostino le consiglio di guardarsi la convenzione stipulata con il comune e poi può parlare con cognizione di causa. Cordialità

  3. Mario D

    Mario D'Agostino

    7 marzo 2014 at 19:44

    Cosa non è chiaro?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top