Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Giudiziaria

Abuso’ della figlia minore della compagna, marsicano nei guai


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, null given in /home/marsicanews/public_html/wp-content/plugins/quick-adsense-reloaded/includes/post_types.php on line 46

Un uomo originario di Pescasseroli ha abusato per anni della figlia minore della convivente.

Per questo era stato condannato al termine del processo di primo grado; la condanna era stata confermata prima in appello e poi, definitivamente, in Cassazione. Ora gli agenti della Squadra Mobile de L’Aquila lo hanno arrestato e condotto presso il carcere di Sulmona dove dovra’ scontare la pena di 5 anni di reclusione. L’uomo, che vive a Castel di Sangro, dal 1997 al 1998 avrebbe compiuto atti sessuali sulla bimba, allora dodicenne toccandole le parti intime ed inducendo la stessa a fare altrettanto nei suoi confronti. Nel 2002 lo stesso avrebbe costretto la ragazza, sedicenne, ad avere rapporti sessuali completi, approfittando di una particolare condizione emotiva in cui la stessa versava in quel periodo.

L’uomo si sarebbe appartato in macchina, in un’ora tarda, in un luogo isolato e distante dalla strada statale. Appena divenuta maggiorenne la ragazza sporse denuncia. Al termine del processo di primo grado, nel 2007, fu condannato alla pena di sei anni di reclusione. Il processo d’appello, nel 2009, riformo’ parzialmente la sentenza precedente, rideterminando la pena in 5 anni e sei mesi. Infine, nel 2011, la Suprema Corte di Cassazione, cui l’uomo aveva fatto ricorso, invio’ gli atti alla Corte di Appello di Perugia per la rideterminazione della pena che, con sentenza del 2012, e’ stata inflitta per 5 anni.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top