Connect with us

Sanità

A Tagliacozzo arriva Della Bella, il Maradona della cardiologia

Pubblicato

on

Al teatro Talia, venerdì 16 e sabato 17 maggio prossimi, per iniziativa del direttore del reparto di Cardiologia riabilitativa di Tagliacozzo, dr. Leonello Guarracini, al nono convegno nazionale sfila il meglio degli esperti della disciplina

TAGLIACOZZO PER DUE GIORNI ‘CUORE PULSANTE ’DELLA GRANDE CARDIOLOGIA ITALIANA

300 OPERATORI, TRA CUI FIRME DI PRESTIGIO COME IL PROF. PAOLO DELLA BELLA

A Tagliacozzo 140 pazienti su 250 ricoverati l’anno trattati e curati dallo scompenso cardiaco: il reparto di Cardiologia, in stretto collegamento con i presìdi della capitale, è riuscito ad esportare il proprio brand: 25 pazienti su 100 arrivano dal Lazio.

Un ‘sontuoso’ salotto medico-scientifico della cardiologia, con 300 operatori sanitari, tra cui un fuoriclasse della cardiologia italiana e internazionale come Paolo Della Bella, considerato il ‘Maradona’ della disciplina. Da Messina, passando per Napoli, Varese e Milano, venerdì 16 e sabato 17 maggio prossimi arriveranno a Tagliacozzo le grandi firme del settore per animare ‘Le battaglie cardiologiche’ (nona edizione), titolo di un convegno di alto profilo che si terrà al teatro Talia.
Il reparto di Cardiologia riabilitativa dell’ospedale di Tagliacozzo, diretto dal dr. Leonello Guarracini, promotore del convegno, grazie a un ‘brand’ acquisito nel tempo ed ‘esportato’ ormai soprattutto nel Lazio, è riuscito a radunare il meglio dei big italiani che discuteranno, tra l’altro, di scompenso cardiaco, una delle malattie più gravi che Cardiologia dell’ospedale di Tagliacozzo tratta ogni anno in oltre 140 dei complessivi 250 pazienti ricoverati durante l’anno. Un’attività svolta in stretto collegamento con prestigiosi ospedali romani come il S. Camillo. Non a caso, il reparto di cardiologia di Tagliacozzo registra un’alta mobilità attiva: 25 malati su 100 arrivano proprio dal Lazio. Fibrillazione atriale, ipertensione arteriosa, cardiopatia ischemica sono gli altri temi di un summit di qualificati esperti che approfondirà le tematiche alla luce delle ultime novità. Problematiche cardiologiche della massima importanza anche per la Marsica dove tra l’altro, si registrano ogni anno 400 casi di ictus cerebrale.
Gli affollati lavori (che avranno finalità formative professionali per medici chirurghi, infermieri e fisioterapisti), inizieranno venerdì 16 maggio, alle ore 8.30 con chiusura alle 18.00; il giorno successivo, sabato 17, si replica dalle 9.00 alle 13.30.
Nella ‘due giorni’ nel centro marsicano, che ospita la celebre piazza Obelisco, sfileranno, sul palco del teatro Talia, nomi di vaglia della disciplina come – oltre al già ricordato Paolo Della Bella, direttore di Aritmologia del S. Raffaele di Milano – Roberto De Ponti (ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese), Ciro Mauro (ospedale Cardarelli di Napoli), Francesco Romeo (Tor Vergata, Roma).
Nel titolo del convegno, Le Battaglie Cardiologiche, come spiega il dr. Guarracini c’è la ratio del convegno: “La battaglia è un po’ il simbolo della lotta che il paziente ingaggia con la sua patologia dopo la caduta. L’istinto dell’uomo è rimettersi in movimento e Cardiologia intercetta questa urgenza di rinascita dei malati”

Abruzzo

LA CROCE ROSSA DI OVINDOLI RINGRAZIA PER L’ACQUISTO DELLA NUOVA AMBULANZA

La croce rossa di Ovindoli ringrazia tutti quell che hanno contribuito all’acquisto della nuova ambulanza

Pubblicato

on

La Croce Rossa Italiana Unità Territoriale di Ovindoli è lieta di annunciare l’avvenuto acquisto della nuova autoambulanza che servirà al nostro territorio per rispondere alle varie emergenze.
“Abbiamo impiegato circa due anni per raggiungere tale obiettivo ed oltre le nostre forze dobbiamo sentitamente ringraziare:
La famiglia Ciminelli che da diversi anni finanzia con il ricavato del memorial “Mario Ciminelli” le nostre attività e in maniera significativa all’acquisto del mezzo.
Marco Angelosante e famiglia che hanno donato, a chiusura della loro attività, la merce rimanente all’interno del negozio dando a noi la possibilità di venderla utilizzando il ricavato per l’acquisto dell’ambulanza.
Ringraziamo inoltre le varie associazioni che hanno contribuito a tale scopo.

Inoltre ma non con minore importanza ringraziamo tutti i cittadini e non e le varie attività
commerciali che ci hanno supportato.

GRAZIE DI CUORE A TUTTI “

Continua a leggere

Abruzzo

Tornimparte, Ambulatorio per il trattamento delle demenze e dell’Alzheimer

Pubblicato

on

Ha preso il via a Tornimparte, l’ambulatorio per il trattamento delle demenze e dell’Alzheimer nell’ambito del progetto sull’invecchiamento attivo “Il territorio attiva la mente” promosso dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con l’Associazione Creativamente.

L’Ambulatorio sarà aperto ogni mercoledì dalle 9.30 alle 12.30, con attività di stimolazione cognitiva, a San Nicola di Tornimparte, nei locali della ex scuola elementare.

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI 3288232381

Continua a leggere

Abruzzo

L’AQUILA : PRIMO TRAPIANTO DI RENE CON ROBOT CHIRURGICO

Pubblicato

on

L’AQUILA: INIZIA L’ATTIVITÂ DEL ROBOT CHIRURGICO NEL TRAPIANTO DI RENE: PRIMO INTERVENTO SU UN PAZIENTE MOLISANO

CON L’ESORDIO DEI ‘BRACCI MECCANICI’ NEL TRAPIANTO L’OSPEDALE AQUILANO ENTRA NEL CIRCUITO EUROPEO DELLA DISCIPLINA

Il rene è solo l’ultima applicazione della nuova tecnologia che, in poco più di un anno, ha consentito di eseguire oltre 200 operazioni in urologia, chirurgia d’urgenza addominale e altri campi.

L’AQUILA – All’Aquila si apre il nuovo corso della chirurgia robotica applicata al trapianto di rene. Nei giorni scorsi, infatti, è stato effettuato il primo intervento su un uomo residente nel Molise a cui è stato impiantato il rene donatogli dalla sorella. Il robot segna una svolta importante nell’attività della trapiantologia non solo dell’Aquila ma della Regione perché alza la qualità dell’asticella della qualità della chirurgia, riduce la sofferenza del paziente e accelera i tempi di attesa. L’avvio al San Salvatore dell’utilizzo del robot ‘da Vinci’ nel trapianto di rene (uno dei pochi centri in Italia a praticarlo con l’ausilio di questa tecnologia) è stato illustrato questa mattina all’ospedale di L’Aquila nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato, tra gli altri, il manager della Asl, Rinaldo Tordera, la rettrice dell’Università, Paola Inverardi, il sindaco Pierluigi Biondi, il prof. Francesco Pisani, direttore del centro regionale trapianti Abruzzo e Molise e il dr. Luigi Di Clemente, direttore del reparto urologia. L’applicazione del robot chirurgico, tra i grandi vantaggi, presenta quello della precisione che nessuna abilità manuale, anche del professionista più esperto, può eguagliare. L’uso dei bracci meccanici nel campo dei trapianti di rene è l’ultima delle applicazioni del robot da Vinci, acquistato dalla Asl ed entrato in funzione oltre un anno fa: è stato utilizzato prima nell’ urologia e, a seguire, in altri ambiti tra cui, recentemente, nella chirurgia d’urgenza addominale (fegato e pancreas). In poco più di un anno sono stati 200 gli interventi compiuti con robot nelle diverse specialità.

Come avviene il trapianto di rene col robot? L’organo viene prelevato dal donatore per via laparoscopica (con piccole incisioni anziché apertura totale) attraverso il fianco, senza entrare nella cavità addominale e poi estratto con un’incisione di pochi centimetri nella regione inguinale. Con questa tecnica mininvasiva si riducono di molto i danni biologici rispetto alla procedura tradizionale. Contemporaneamente alla fase di estrazione del rene dal donatore una seconda équipe interviene con robot sul ricevente per preparare la sede in cui reimpiantare l’organo. Tramite un’incisione di 5 centimetri sopra al pube il rene prelevato viene posizionato all’interno della cavità addominale, lateralmente alla vescica. Il robot chirurgico consente di eseguire queste procedure con movimenti molto precisi e con maggiore rapidità, grazie anche alla visione delle immagini molto ingrandita rispetto alle dimensioni normali. Con il ricorso ai bracci meccanici in sala operatoria, in virtù della mininvasività dell’intervento, il paziente ha tempi di recupero molto veloci perché il danno biologico, legato al trapianto, è molto ridotto.

Continua a leggere

Abruzzo

ASSOCIAZIONE VERONICA GAIA : 2 BORSE DI STUDIO PER PROMUOVERE LA RICERCA SULLA DEPRESSIONE GIOVANILE

Pubblicato

on

Due borse di studio alle migliori tesi in Psicologia e Medicina e un premio per il migliore articolo scientifico riguardanti tematiche sulla depressione giovanile: queste le iniziative decise dall’Assemblea dell’Associazione Veronica Gaia di Orio per la Ricerca e la Lotta alla Depressione Giovanile, che ha nominato la prof.ssa Maria Grazia Cifone nel ruolo di Vicepresidente

Si è svolta ieri, presso il Centro Celestiniano, la seconda Assemblea dell’Associazione Veronica Gaia di Orio per la Ricerca e la Lotta alla Depressione Giovanile.
Nel corso dell’Assemblea è stato deciso il finanziamento di due borse di studio dell’importo di 1500 € ciascuna per laureati magistrali in Medicina e Chirurgia e in Psicologia Applicata, Clinica e della Salutedell’Università degli Studi dell’Aquila che abbiano presentato una tesi sperimentale sviluppata nell’ambito della depressione giovanile e aspetti ad essa correlati.
E’ stato inoltre istituito il premio per il Migliore Articolo Scientifico sempre su tematiche concernenti la Depressione giovanile, dell’importo di 1500 €,rivolto ai giovani under 40 (dottorandi/e, borsisti/e, assegnisti/e, ex borsisti/e o ex-assegnisti/e) che non abbiano una posizione lavorativa a tempo indeterminato.
Tutte le informazioni su queste iniziative sono reperibili sul sito dell’Associazione: http://www.veronicagaia.it

Nel corso dell’Assemblea, oltre agli adempimenti statutari legati all’approvazione dei bilanci consuntivo e preventivo presentati dal Tesoriere prof. Enrico Perilli, sono stati nominati all’unanimità la prof.ssa Maria Grazia Cifone quale Vicepresidente e il prof. Giuseppe Paradiso Galatioto quale nuovo membro del Consiglio Direttivo.
E’ stato inoltre eletto il Collegio dei Probiviri nelle persone dei proff. Umberto Ciciarelli, Mario Giannoni e Cristina Petrucci.
“Le iniziative dell’Associazione – ha spiegato il Presidente prof. Ferdinando di Orio – vogliono essere uno stimolo e un incoraggiamento per i giovani studiosi a dedicarsi alla ricerca in particolare nel campo della depressione giovanile. Ancora troppo poco si fa nel nostro Paese per promuovere l’attività di ricerca soprattutto da parte dei giovani, che spesso sono costretti ad emigrare all’estero. Le nostre iniziative, per quanto limitate, oltre a promuovere la ricerca scientifica in un settore delicato per il benessere dei giovani, vogliono anche richiamare l’attenzione su un problema spesso sottostimato come la depressione giovanile”.

MANIFESTO-PSICOLOGIA-2019.pdf

Bando-PREMIO-ARTICOLO.pdf

MANIFESTO-MEDICINA-2019.pdf

Continua a leggere

Abruzzo

Un’ambulanza di primo soccorso da Ovindoli, Angelosante consegna il mezzo alla vice presidente nazionale della Croce Rossa Italiana Maria Teresa Letta

Pubblicato

on

Ovindoli. E’ stato consegnato questa mattina, in comodato d’uso, dal sindaco di Ovindoli Simone Angelosante, il mezzo WV CRAFTER 4×4 alla delegazione della Croce Rossa Italiana di Ovindoli, afferente al Comitato della CRI di Avezzano.
Il mezzo, consegnato nelle mani della professoressa Maria Teresa Letta, vice presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, acquistato con le donazioni della cittadinanza ovindolese e di tutti i turisti affezionati, in particolare grazie a Marco Angelosante e all’impegno dei membri della locale CRI, verrà allestito quale ambulanza di primo soccorso dal comitato di Avezzano e sarà in servizio ad Ovindoli subito dopo Pasqua.

Continua a leggere

Abruzzo

MANAGER ASL, PAOLUCCI RISPONDE A FEBBO 

Pubblicato

on

Il consigliere regionale del Pd Silvio Paolucci replica alle dichiarazioni di Mauro Febbo (Forza Italia) in merito alla proroga del contratto al direttore generale della Asl Lanciano – Vasto – Chieti, Pasquale Flacco. “Voglio ricordare al collega Febbo – dichiara Paolucci – che il prossimo 15 marzo decadranno i direttori generali delle Asl di Chieti e L’Aquila e quindi spetterà al nuovo governo regionale di centrodestra nominare i nuovi. Peraltro sono state anche avviate le procedure e pertanto, di fatto, il nuovo governo regionale avrà la possibilità, appena insiediatosi, di nominare due nuovi manager. Abbiamo lasciato loro una possibilità che noi, nel 2014, non abbiamo certo avuto. L’accusa di Febbo è infondata in quanto tutti gli atti compiuti sono corretti. La legittimità del provvedimento al quale si riferisce è demandata alla struttura tecnica che ha firmato la proposta di delibera – ricorda Paolucci –mentre da parte mia non c’è stata nessuna forzatura o “arbitrio” né tantomeno stranezze dal punto di vista normativo perché, lo sottolineo ancora, la legittimità degli atti non è di competenza dell’organo politico. E’ evidente che il Consigliere Febbo desidera ricoprire il ruolo di assessore regionale alla Sanità e voglia occuparsi della gestione sanitaria ma per il primo obiettivo dovrà rivolgersi alla Lega di Salvini mentre per il secondo deve capire che si tratta di un’attività di competenza delle Asl e non certo della giunta regionale. A lui ricordo, ancora una volta, che il confronto politico dovrebbe essere svolto con più correttezza senza questo continuo ricorso alle denunce, peraltro a vuoto, che hanno contraddistinto il suo modo di fare in questi anni”. “E lo invito – conclude Paolucci – ad adoperare termini più appropriatati e rispettosi nei confronti del sottoscritto che non ha mai operato con arbitrio o forzature nei confronti della struttura, men che meno verso i colleghi di giunta o del presidente della Regione.

Continua a leggere

Avezzano

Trasferimento Cim:Precisazioni dell’Amministrazione Comunale

Pubblicato

on

In merito alla preoccupazione espressa dai genitori degli alunni che
frequentano le lezioni nella struttura “Noesis” per via del trasferimento
degli uffici del Cim
l’amministrazione comunale precisa:

“Gli ambulatori del Centro Salute mentale saranno trasferiti in uno stabile
che non è quello che ospita la scuola. Si tratta di stanze che si trovano
in tutt’altra area rispetto a quella in cui si trovano gli studenti”.

Tale comunicazione era stata già diffusa ufficialmente dalla stessa Asl,
tramite il proprio ufficio stampa.

Continua a leggere

In Evidenza