Attualità

Caso Gielle, Di Pangrazio: “Ha vinto la nostra tenacia, un milione di euro sarà riconsegnato alla Città”

Avezzano – La Corte Suprema di Cassazione mette la parola fine a una vicenda giudiziaria durata ben trent’anni e decreta la vittoria, definitiva e su tutta la linea, del Comune di Avezzano. La controversia era quella che vedeva protagonisti il Comune di Avezzano e la Gielle sas.

I fatti risalgono al 1985, quando l’Ente Fucino, con rogito notarile, cedette al Comune di Avezzano alcuni beni – capannoni e terreni circostanti, siti in via Nuova – in uso alla società Gielle, con l’impegno di riconoscere alla stessa migliorie per 950 milioni. Dopo una lunga serie di contenziosi, la Corte d’Appello dell’Aquila, con una sentenza shock, aveva condannato il Comune di Avezzano a pagare circa 806mila euro di danni. Sentenza strenuamente contestata dall’Amministrazione, che aveva promesso battaglia contro “Una sentenza assurda – come l’aveva definita il sindaco Giovanni Di Pangrazio – che, per una serie di incredibili vicissitudini e leggerezze interpretative, a distanza di 27 anni si abbatte sulle casse del Comune e, quindi, sulle tasche dei cittadini”. Le contromosse erano state affidate al Collegio difensivo coordinato dall’avvocato Giampiero Nicoli, affiancato dai professori e avvocati Stefano Recchioni e Stefano D’Andrea.

Tra le azioni messe in atto dal Comune, l’impugnazione degli atti dell’allora Carispaq che, malgrado il diniego dell’Ente, intenzionato a ricorrere in Cassazione, aveva effettuato il pagamento ‘improprio’ alla Gielle: il Consiglio comunale, nel 2013, aveva dichiarato non riconoscibile la legittimità del debito fuori bilancio, e aveva dato mandato alla Giunta di “intraprendere le necessarie misure al fine di tutelare gli interessi del Comune nei confronti della banca e di inviare gli atti alla Procura della Corte dei Conti”.

La Corte Suprema di Cassazione, sezione terza civile, accogliendo in pieno la tesi difensiva, ha cassato senza rinvio le sentenze di merito nella controversia, annullando le sentenze del Tribunale di Avezzano e della Corte d’Appello di L’Aquila, quest’ultima anche in sede di revocazione, stabilendo che i diritti vantati dalla Gielle nei confronti del Comune di Avezzano erano inesistenti. La Cassazione, inoltre, nella complessa e magistrale motivazione ha seccamente censurato in toto entrambe le sentenze di merito, chiarendo che solo il Consigliere della Corte d’Appello e il Collegio della stessa avevano bene inquadrato le questioni giuridiche, allorché avevano disposto la sospensione dell’esecutività della sentenza del Tribunale. Il Comune di Avezzano ora potrà recuperare oltre un milione di euro, vale a dire tutti gli importi pagati, compresi tutti gli onorari di primo e secondo grado conferiti alla controparte. Piena soddisfazione è stata espressa dal sindaco Giovanni Di Pangrazio, per un risultato che “Sancisce una vittoria voluta con tutte le nostre forze, senza mai arrenderci, a tutto favore dei cittadini sulle cui tasche pesava l’indebito salasso. Ora – chiosa il sindaco – chi ha sbagliato dovrà pagare”.

“É una sentenza storica”, ha sottolineato l’avvocato Giampiero Nicoli, che aveva introdotto a suo tempo il giudizio di appello e aveva ottenuto la sospensiva del giudizio di primo grado, “É una vittoria straordinaria, io e il sindaco Di Pangrazio ci abbiamo sempre creduto, nonostante sembrasse un’impresa immane. É il trionfo della verità e della giustizia, oltre che il premio alla perseveranza”.

1 Comment

1 Comment

  1. RENZO

    15 febbraio 2017 at 9:38

    OTTIMO IL RISULTATO DELLA GIUSTIZIA ITALIANA MA SE VUOI FARE IL BRAVO FAI LA DONAZIONE DI 1/10 DELLA CIFRA AI TERREMOTATI DI AMATRICE IL CHE SIGNIFICHEREBBE CHE SALI SUL TRONO DEI SINDACI…….E TUTTI NOI SAREMMO MOLTO FELICI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top