Abruzzo

Famiglia Aratari-Mascitelli: i coniugi investigatori pedinavano agente della Guardia di Finanza

 

Continuano le avventure della famiglia Aratari-Mascitelli: pedinavano la Guardia di Finanza di Avezzano.

Questi gli ultimi aggiornamenti sulla vicenda dell’operazione “Tutti per uno” con la quale sono stati arrestati, tra numerosi altri, Arnaldo Aratari e la moglie Tiziana Mascitelli, i quali si sono resi responsabili anche di un pedinamento nei confronti di un Maresciallo a cui era stata assegnata l’indagine, con lo scopo, per quanto si capisce dalle conversazioni intercettate, di individuare la casa dell’ispettore.

Questo è quanto emerso dalle indagini degli inquirenti:

Tiziana Mascitelli: “allora la macchina è di***** è questa qua”.
Aratari: “è questa Renault?”.
Tiziana Mascitelli: “allora vai avanti… mi devi dire esattamente la via dove l’hai letta tu?”.
Aratari: “l’ho letta sopra un elenco”.
Tiziana Mascitelli: “perché noi dobbiamo vedere quando lui non c’è, e non ci devi andare con una macchina. Dobbiamo andare con la Panda di Lucia (figlia dell’Aratari).

Inutile sottolineare la gravità della situazione, arrivare addirittura ad inseguire un maresciallo della GdF,  per fare cosa?

Sono pesantissime infatti le accuse che vertono sull’Aratari, che al momento è detenuto nel carcere San Nicola di Avezzano, mentre la moglie Tiziana Mascitelli è agli arresti domiciliari e il suocero Guglielmo Mascitelli è indagato per una falsa invalidità.

Click per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime notizie

To Top